Green Pass: ma quale referendum!? Abbiamo scoperto l’inganno.

19627 visualizzazioni

#Notiziario di martedì 21 settembre alle 7 di #100GiorniDaLeoni. Dobbiamo allontanare questo referendum. Sostieni la nostra #BattagliaPerLaVerità

5 Comments

  1. Come diffido di quelli che non dicono… o che dicono pisciando controvento, diffido anche di quelli che non mettono al centro della discussione, un giorno sì e l’altro pure, la questione monetaria del prof. Giacinto AURITI. Il resto è noia.

  2. Scusate però trovo davvero pretestuoso che si sottolineino certe incongruenze o il fatto che mattei separi la questione del gp da quella dei vaccini …o che ci possano essere dietro precise figure politiche ecc ecc. Tutto vero però… quanto sarebbe importante che arrivasse una VALANGA di firme ? Sarebbe un NO chiaro al tracciamento (o bio-tracciamento!), sarebbe uno schiaffo all’establishment attuale. A prescindere dal fatto se davvero si faranno o no i referendum in questione. E poi scusate se lo dico, ma ho studiato Privacy e quello che dice Ugo Mattei a proposito dei gp è DAVVERO una profondissima questione a cui i cittadini non danno la dovuta attenzione. C’è un po’ di superficialità in materia di tracciamento dei propri dati e dei propri movimenti (quante volte vai al cinema, quante al ristorante, ti siedi fuori o dentro, vai al museo o non ci vai mai?…) un’enormità di cui non ci si rende purtroppo conto. Poi sul vaccinismo siamo d’accordo con Voi, è una decisa aberrazione imposta come “medicalizzazione verticale di massa” di miliardi di persone SANE, a discapito del sistema sanitario orizzontale di prossimità, che infatti smantellano sempre di più. Ma… rischiate di togliere la giusta importanza all’abisso mostruoso del tracciamento imposto con il lasciapassare preordinato a ogni volta che metti il naso fuori casa. Questa assurda politica infatti persegue due piccioni con una fava: 1)il vaccinismo, 2) il tracciamento digitale di tutto e tutti. E’ un fatto. NO GREEN PASS.

    • Ciao miche, sono d’accordo su quasi tutto ma su “quanto sarebbe importante che arrivasse una VALANGA di firme ? Sarebbe un NO chiaro” come tu giustamente poni , il condizionale è d’obbligo e di rischi molti. Qui in basso un paio di fatti.

  3. “Vivere in prima persona come stanno reagendo gli italiani alla crisi del Covid mi ricorda che la narrativa storica dominante sul fascismo inventata dal Partito Comunista Italiano – il più grande partito comunista al di fuori del blocco sovietico – per assolvere gli italiani dalla colpa è un’assurdità: quel fascismo è stato imposto non voluto. Gli italiani volevano che il fascismo fermasse il comunismo. Non è stato imposto. Così come vogliono che questa nuova forma di dittatura fermi il Covid.” Nicholas Ferrell. Tratto da qui: https://www.maurizioblondet.it/nicholas-farrell-le-draconiane-leggi-italiane-sui-vaccini-sono-terribilmente-popolari/
    Nell’articolo, l’autore di origine albionica, si stupisce di come siano popolari le misuro del drago. Non mi fido dell’italiano, sempre a lamentarsi e poi vota sempre democristo, il primo voto post bellico è stato il referendum tra monarchia e repubblica, un generale di allora, sempre albionico, in un intervista ammise che l’esito del voto era stato modificato a favore della repubblica.
    Manco la repubblica si meritano, gli è stata donata, come i vaccini.

Lascia un commento

Gli ultimi su TV

Lockdown per i non vaccinati?

#RassegnaStampa di lunedì 25 ottobre alle 8 con Riccardo Rocchesso ed Enrica Perucchietti. Sostieni #100GiorniDaLeoni! Austria…