Sono rimasti “solo” i Leoni. Con Gian Marco Capitani

8835 visualizzazioni

#Speciale di giovedì 6 gennaio alle 18 di #100GiorniDaLeoni insieme all’attivista Gian Marco Capitani. Sono rimasti “solo” i Leoni. Sostieni il nostro lavoro, associati con noi!

8 Comments

    • se Vittorio avesse letto quello che ha scritto alessandro su twitter, dove auspicava un lasciapassare per convincere i recalcitranti al vaccino prima ancora che il vaccino fosse disponibile, gli avrebbe fatto fare il Giro D’Italia a calci in in culo

  1. Puntata che per via delle citazioni definirei kletzner.
    Il problema dell’artista è sempre stato il dipendere dalla committenza: Caravaggio aveva bisogno di clienti con grosse borse che gli permettessero i vizi, forse il periodo parigino di fine ‘800 ed inizio ‘900 ha permesso a tanti artisti “maledetti” di ribaltare il sistema seppur con le pezze al culo; noi tutti per mangiare dipendiamo da qualcuno che apprezzi ciò che abbiamo da offrire, nell’Italia degli ultimi 30anni, purtroppo, il grosso delle produzioni se lo sono giocato Medusa e RaiCinema, questo ha fatto tabula rasa degli autori, il confronto tra Vittorio ed alessandro Gassman mi sembra più che eloquente, la contemporaneità e molle.
    Pinocchio è l’Eroe: uscito inizialmente ad episodi sulla Stampa di Torino all’epoca in cui Edmondo De Amicis ne era il corrispondente dall’Estremo Oriente, esso diventa Lui, non grazie esclusivamente al Grillo ed alla Fatina ma anche grazie alle fregature del Gatto e della Volpe, ad un certo punto si ritrova il “babbo” Geppetto malato e comincia a lavorare per procurargli le medicine e cibo sostanzioso (i bambini all’epoca lavoravano, erano carne da cantiere che Don Bosco emancipava), ebbene grazie al “cuore” che le dis”Avventure” gli procurarono diventa naturalmente Lui, un bambino.
    Djokovic: non so’ nemmeno se sia legale dal punto di vista sportivo permettere un incontro tennistico tra inoculato e non, il non inoculato, ancora come mamma l’ha fatto, in teoria ha la partita servita, non sembra codesto intruglio da inoculazione un buon stimolante.

  2. Non azzardatevi a menzionare Anna Frank, Olocausto o Persecuzioni Antisemite nei vostri noiosissimi monologhi autocelebrativi. Siete solo un branco di iene parassite, altroché Leoni! Ma poi dei 6 000 contatti che vi hanno cliccato, qualcuno ha avuto la pazienza e lo stomaco di ascoltare le porcate che vomitate? Smettetela di fare il tifo per il COVID e se avete ‘Umanità’ andate a fare il vostro dovere andando a vaccinarvi, ca**o! Se torneremo in lockdown sarà per colpa vostra, una misera minoranza di eretici, anarchici, fancazzisti, parassiti, disfattisti e falliti che ha stufato. Noi ‘pecore’ abbiamo pazienza ma fino a un certo punto, perché quando ci incazzeremo noi allora si che avrete ragione di lamentarvi. E ripeto : NON AZZARDATEVI A FARE LE VITTIME SACRIFICALI PARAGONANDOVI ALLE VITTIME DELLE PERSECUZIONI ANTISEMITE, PERCHE’ QUESTO MI FA IMBESTIALIRE!!!!!!!

    • “Djokovic: non so’ nemmeno se sia legale dal punto di vista sportivo permettere un incontro tennistico tra inoculato e non, il non inoculato, ancora come mamma l’ha fatto, in teoria ha la partita servita, non sembra codesto intruglio da inoculazione un buon stimolante.” Scusa l’autocitazione, sei sicuro di tenere botta ad un incontro che vada oltre la tua capacità di usare le MAIUSCOLE?

      • Sai, quando leggo porcate come queste mi scatta il dito su maiuscola, e’ una reazione avversa del vaccino che mi fa vedere la pochezza dei contenuti come quelli su questo sito di disinformazione e propaganda anarchica. Comunque vedi di capire la SOSTANZA invece che giudicare la FORMA. E su Djokovic,’ Grande Nazione l’Australia, con le palle da tennis al posto giusto: ‘rules are rules’ = le regole sono regole Mr.Djokovic’, se non ti va sei libero di tornartene a casa, non vaccinato ovviamente!

        • Mi scuso nuovamente ma mi costringi a spiegare il senso di quello che scrivo:
          “Djokovic: non so’ nemmeno se sia legale dal punto di vista sportivo permettere un incontro tennistico tra inoculato e non, il non inoculato, ancora come mamma l’ha fatto, in teoria ha la partita servita, non sembra codesto intruglio da inoculazione un buon stimolante.” Stà a significare che l’avversario del tennista non vaccinato è come se giocasse con una palla al piede con la catena d’ordinanza attorcigliata attorno al cuore. Il commento che ho aggiunto all’autocitazione voleva significare che tu, presumibilmente vaccinato tripla dose, qui tra i leoni ancora come mamma li ha fatti non ti trovi a buon partito.
          Per quanto riguarda anna frank: io invece avevo una maestra alle elementari che ci ha tirati su tutti antifascisti, questo grazie al fatto che suo zio, ai tempi della guerra, veniva caricato di botte a giorni alterni dai fasci veri per il solo fatto di avere i capelli rossi.

          • Embe’ ? E che c’azzecca questo? Bla bla bla bla direbbe Greta. Adesso volete far passare la l’idea che chi non e’ vaccinato appartiene ad una razza superiore, ariana o eletta? No caro, non ci casco. Continuate pure con i vostri conati di disinformazione, tanto vi seguono quattro gatti disillusi, ed un cretino come me che perde tempo a leggere le vostre insulsaggini ( ringraziatemi per l’aumento di audience!)

Lascia un commento

Gli ultimi su TV