Sono come la mia moto. Ospite lo scienziato Stefano Montanari

11727 visualizzazioni

#Speciale di giovedì 24 giugno alle 15 e 30 di #100GiorniDaLeoni. Riccardo Rocchesso intervisterà lo scienziato Stefano Montanari, un titolo che spiazza per una puntata decisamente da non perdere. Tutti i prodotti per la salute del laboratorio di Stefano li trovate qui.

6 Comments

  1. La “terribile” Variante Delta
    VideoVideoCovid-19Pandemia
    Di Markus Su 25 Giu 2021 5,088

    Se c’è veramente qualcuno sempre presente quando si ha bisogno di lui in tempo di Covid, allora stiamo parlando di Ivor Cummings.

    Proprio mentre veniamo bombardati in contnuazione dal falso allarmismo delle “varianti,” che Boris Johnson e il suo Gruppo di Consiglieri Scientifici per le Emergenze continuano a fomentare, c’è, grazie al cielo, Ivor Cummings, freddo, calmo, razionale, che va oltre le chiacchiere e arriva ai fatti.

    Nel suo ultimo aggiornamento online, ci dice che la Variante Delta (se non siete stati al passo con la terminologia più recente) è, in realtà, la Variante Indiana, già nota da tempo. È stata solo ribattezzata e, cosa più importante non ha avuto alcun impatto negativo sui ricoveri ospedalieri in Gran Bretagna.

    Le fonti di cui si serve Ivor per la sua dimostrazione sono poi gli stessi dati governativi. In realtà fa ridere (anche se non c’è niente da ridere) vedere che il grafico dei ricoveri va esattamente nella direzione opposta a quello dei “casi.” Mentre i casi dovuti alle cosiddette varianti salgono, i ricoveri diminuiscono. Non potreste inventarvelo. Guardate voi stessi.

    Traduzione e sottotitoli di Markus per comedonchisciotte.org

    Link video originale: https://www.youtube.com/watch?v=TtOu7jx3snQ

  2. Donna greca di 56 anni muore dopo seconda dose Pfizer: infarto insieme a edema polmonare
    26 Giu 2021
    Redazione
    No Comments
    eADV
    Condividi!
    Facebook
    Twitter
    VK
    WhatsApp
    Messenger
    Telegram

    Una donna greca di 56 anni, Konstantina Lykakianni, è morta all’ospedale Kalavryta pochi minuti dopo la sua seconda dose di vaccino Pfizer. Secondo quanto riportato dal sito Patras Times, la donna si era vaccinata per poter incontrare il figlio che vive a Cipro.
    eADV

  3. LA BUFALA DELLE BUFALE: Mentiamo per il tuo bene perché tu non puoi capire
    OpinioneSocietàVaccini
    Di Redazione CDC Su 26 Giu 2021 130

    di Daniela Baldoria
    comedonchisciotte.org

    Partiamo da un esempio semplice: Se becco il vicino uscire di soppiatto da casa mia, certamente lo scambio per una ladro. Magari non lo è. Magari era entrato per controllare che non ci fosse una fuga di gas e salvare il condominio da una potenziale esplosione, ma se anziché spiegarmi il motivo per cui è entrato, nega di aver persino messo piede in casa mia nonostante lo abbia colto in flagrante, è naturale che io inizi a sospettare qualcosa di losco.

    Ammettiamolo: siamo confusi. E nessuno di noi ha la verità in mano.

    Dall’inizio della pandemia abbiamo sostenuto tutto ed il contrario di tutto.
    All’inizio, quando il “gregge” si fidava dell’OMS e di un Burioni che garantì che il Covid non sarebbe mai arrivato in Italia, il popolo dei malfidenti come me s’imbestialì perché “non ce la stanno raccontando giusta”, insultando Tedros che di morti sulla coscienza ne aveva già tanti, ed il nostro governo che non fece nulla per proteggerci.

    Quando poi iniziarono le restrizioni, le chiusure, la privazione della libertà, i soliti malfidenti, me inclusa, cambiarono musica: il virus non è letale come dicono, i numeri sono falsati, ma perché non vengono permesse le autopsie sui presunti morti di Covid? Vogliono controllarci, vogliono far crollare l’economia e iniziare una dittatura mondiale.

    Ciliegina sulla torta: l’arrivo del vaccino. Di nuovo il popolo dei malfidenti. Io, ovviamente, sempre tra questi: Ecco dove volevano arrivare! Avvelenarci tutti tramite il vaccino. Infilarci un chip. O forse solo far guadagnare una marea di soldi alle case farmaceutiche, diffondendo farmaci non sperimentati. Anzi, sperimentati sulle persone trasformate in felici ratti da laboratorio.

    E’ vero, visti da fuori possiamo apparire esagerati, prevedibili, bastian-contrari, pazzi.

    La verità è che noi ci poniamo delle domande. Indaghiamo. Proviamo a trarre delle conclusioni. Probabilmente spesso ci sbagliamo. Ma non avremmo alcun interesse a farlo se non per salvaguardare il nostro bene ed il bene di tutti. E soprattutto per amore della Verità.

    Quando poi ti ritrovi faccia a faccia con situazioni strane, ringrazi il cielo di essere tra quelli che si permettono di avere dei dubbi. Sì perché avere dei dubbi oggi richiede coraggio. Prima il coraggio di porseli, poi quello di dichiararli.

    Quando il padre di una persona che conosci muore di Alzheimer, viene dichiarato morto di Covid, e dopo il funerale arriva il tampone negativo, ma per le statistiche resta un morto di Covid, due domande te le fai.

    Quando ti metti a ridere per i video che ti mandano sulle calamite che si attaccano al braccio dei vaccinati, e per scherzare fai la prova su tua sorella e, scioccata, vedi che la calamita si attacca, di domande te ne fai altre due.

    E non è che sei così sciocca da appoggiare la calamita sulla pelle umida o dove è rimasta la colla del cerotto. Mica sei nata ieri. Avvicini la calamita pian piano, e arrivata a due millimetri dalla pelle, senti che la calamita “tira” verso un punto preciso, un po’ spostato rispetto al punto dove è stata fatta l’iniezione. Le fai muovere il braccio, e il magnete resta lì. E allora la smetti di ridere. Fai la stessa prova su altre persone, e trovi che a tre persone su quattro il magnete si attacca. Volutamente ho scritto “si attacca” e non “resta attaccato”, che è ben diverso.

    Ma ci sarà sicuramente una spiegazione. Te ne inventi una al volo, per rassicurare tua sorella, dicendole che probabilmente si tratta dei metalli da sempre presenti nei vaccini, che si saranno sicuramente accumulati nella spalla “ma poi, non preoccuparti, si diffonderanno in tutto il corpo e non sarai più magnetica”. Lei ti guarda con gli occhi sbarrati.

    Ma come? Giuro che pensavo di averle detto una cosa rassicurante. Sicuramente più rassicurante del pensiero che in realtà avevo in mente. Ma poi…non erano tutte bufale dei complottisti no-vax quelle dei metalli pesanti nei vaccini?

    Allora cerchi una spiegazione, sicuramente ce ne sarà una di accettabile, che ne so, l’ago talmente sottile da essersi spezzato in prossimità della punta e aver lasciato un corpo estraneo nella pelle che il corpo in qualche modo espellerà? Ancora meno credibile.

    Fai un giro su Google, ma tutto ciò che trovi sono articoli dove viene smentito tutto, dove ti assicurano che non c’è nulla di magnetico o di ferroso nei vaccini, dove affermano che tutti i video in circolazione sono delle bufale, che sono montati ad hoc e che le calamite e le monetine restano attaccate solo perché appoggiate sulla pelle umida e appiccicosa.

    Ma perché? Ti chiedi. Lo abbiamo visto con i nostri occhi, eravamo almeno in cinque. Oltretutto erano persone molto felici di essersi vaccinate e lo rifarebbero, anzi lo rifaranno, perché tanto anche per questo fenomeno magnetico “ci sarà sicuramente una spiegazione”.

    Ma allora perché negare la veridicità di questi video? Perché non limitarsi ad esplicare a noi comuni mortali, che ci fidiamo di voi grandi illuminati, cos’è che fa rimanere attaccate le calamite e le monetine? Sicuramente non sarà nulla di dannoso e sarà un normalissimo effetto di qualcosa che avete inserito nei vaccini per il nostro bene. Ma spiegatecelo. Siamo tutti curiosi.

    Perché, vedete, se non ce lo spiegate, ma soprattutto se continuate a negare ciò che molti di noi hanno visto con i propri occhi e sentito con le proprie mani, siamo naturalmente portati, e autorizzati, a pensare male.

    E come insegna un vecchio detto: a pensar male si fa peccato ma spesso ci si indovina.

    Poi scopri che c’è stata una manifestazione di diecimila persone a Milano, tra cui molti medici, sulle terapie domiciliari, e i giornali non ne parlano. E le domande diventano cinque, sei.

    Ma arrivi anche a setto, otto, quando cerchi informazioni sulla presunta presenza di cellule provenienti da feti abortiti nei vaccini, e tutti i siti ed i giornali scrivono a caratteri cubitali che si tratta dell’ennesima bufala, ma poi guardi sul bugiardino di Astrazeneca e trovi scritto “Prodotto in cellule renali embrionali umane geneticamente modificate”. Che dici, era vivo e consenziente l’embrione?

    Ah ma non sarai mica contrario all’aborto? E’ un problema tuo allora.

    Il problema non è questo, il problema è che avete negato, mentito. Ecco i veri negazionisti chi sono.

    Noi di domande ce ne facciamo, parecchie, e gradiremmo avere delle risposte che non siano semplicemente “sono tutte bufale, fidatevi ciecamente di noi”.

    Siamo certi che avrete degli argomenti interessanti con cui motivare questi strani fenomeni, fare luce su queste ombre e farci accettare ciò che state facendo.

    Ma se non ne avete, e vi limitate a censurare, a manipolare l’informazione a combattere l’esercito dei dubbiosi a suon di TSO, probabilmente abbiamo ragione a sospettare di voi.

    Non metterei la mia vita in mano a chi non è trasparente. Punto. E non venite a dirci che anche i genitori mentono per il bene dei loro figli perché i bambini non possono capire. Noi siamo adulti, e molti, ahimè, anche vaccinati.

  4. Vaccini Covid: due decessi ogni tre vite salvate
    Notizie
    Di Markus Su 26 Giu 2021 74

    Will Jones
    conservativewoman.co.uk

    Una revisione dei dati di efficacia e sicurezza per i vaccini Covid-19 giunge all’inquietante conclusione che, per ogni tre decessi prevenuti dai vaccini, due persone muoiono per una reazione avversa, mentre altre quattro subiscono gravi effetti collaterali. Gli autori concludono: ‘Questa mancanza di chiari benefici dovrebbe indurre i governi a ripensare la loro politica vaccinatoria.’

    Ecco l’abstract dell’articolo peer-reviewed di tre scienziati pubblicato sulla rivista Vaccines:

    Background: I vaccini Covid-19 sono stati approvati con procedure accelerate senza sufficienti dati sulla sicurezza. Abbiamo voluto confrontare rischi e benefici.

    Metodo: Abbiamo calcolato il numero necessario per vaccinare (NNTV), estrapolato da un grande studio sul campo israeliano, necessario a prevenire un decesso. Siamo entrati nel database Adverse Drug Reactions (ADR) dell’Agenzia Europea del Farmaco e del Registro Nazionale Olandese (lareb.nl) per estrarre il numero di casi che riportano effetti collaterali gravi e il numero di casi con effetti collaterali fatali.

    Risultato: Il NNTV per prevenire un caso di COVID-19 per il vaccino mRNA commercializzato da Pfizer è tra 200-700, mentre il NNTV per prevenire un decesso è tra 9.000 e 50.000 (intervallo di confidenza del 95%), con 16.000 come punto mediano stimato. Il numero riportato di reazioni avverse è stato di 700 per 100.000 vaccinazioni. Attualmente, vediamo 16 effetti collaterali gravi per 100.000 vaccinazioni e il numero di effetti collaterali mortali è di 4,11 per 100.000 vaccinazioni. Per tre morti evitate dalla vaccinazione, ne abbiamo due causate dalla vaccinazione.

    Conclusioni: Questa mancanza di chiari benefici dovrebbe indurre i governi a ripensare la loro politica vaccinatoria.

    Gli autori notano che questa conclusione è basata sulle reazioni avverse riportate, mentre il numero reale di reazioni avverse potrebbe essere considerevolmente maggiore:

    “Infine, dall’esperienza derivante dalla segnalazione degli effetti collaterali di altri farmaci è noto che solo una piccola frazione degli effetti collaterali viene riportata nei database degli eventi avversi. La sottostima mediana può arrivare fino al 95%. Dato questo fatto e l’alto numero di gravi effetti collaterali già riportati, l’attuale tendenza politica a vaccinare i bambini, che, in primo luogo, hanno un bassissimo rischio di soffrire di Covid-19 deve essere riconsiderata.”

    Gli autori fanno notare che “i rischi e i benefici” dei vaccini sono “sullo stesso ordine di grandezza” e suggeriscono: “Forse potrebbe essere necessario smorzare l’entusiasmo con dati reali?”

    “La presente valutazione solleva la questione se sia necessario ripensare le politiche e utilizzare i vaccini Covid-19 con più parsimonia e con una certa discrezione solo in coloro che sono disposti ad accettarne il rischio perché si sentono più a rischio per l’infezione vera che per quella finta. Forse potrebbe essere necessario smorzare l’entusiasmo con dati reali? Dal nostro punto di vista, l’EMA [Agenzia Europea del Farmaco] e le autorità nazionali dovrebbero avviare una revisione della sicurezza nel database della sicurezza dei vaccini Covid-19 e i governi dovrebbero considerare attentamente le loro politiche alla luce di questi dati. Idealmente, scienziati indipendenti dovrebbero effettuare una revisione approfondita dei casi molto gravi, in modo che ci possano essere raccomandazioni basate sull’evidenza su chi può trarre beneficio da una vaccinazione contro il SARS-CoV-2 e chi rischia di soffrire di effetti collaterali. Attualmente, le nostre stime mostrano che dobbiamo accettare quattro effetti collaterali fatali e 16 gravi ogni 100.000 vaccinazioni per salvare la vita di 2-11 individui ogni 100.000 vaccinazioni, mettendo rischi e benefici sullo stesso ordine di grandezza.”

    Lo studio completo può essere trovato qui.

    Will Jones

    Fonte: conservativewoman.co.uk
    Link: https://www.conservativewoman.co.uk/the-vaccines-kill-two-people-for-every-three-lives-they-save-says-peer-reviewed-vaccine-study/
    26.06.2021

Lascia un commento

Gli ultimi su TV