Compassione e disprezzo. A questo si riducono le discussioni

4220 visualizzazioni

In questo anno e mezzo vi sarete sicuramente imbattuti con amici/parenti in discussioni su quanto sta accadendo. Come è andata a finire? Cosa si nota in tali discussioni? Uno scambio di vedute civile dove ognuno porta le sue tesi e cerca di obiettare su quelle dell’interlocutore? No, accade questo: tu fai notare alcune incongruenze narrative di vario genere. Le risposte che ti arrivano sono spesso nervose, aggressive, di autodifesa e poi di attacco. Quel che dici è inaccettabile, non può essere così, la loro mente rifugge il fatto che possa esserci un progetto, hanno timore di quel che dici, glielo si legge negli occhi. Non è che contestano i contenuti, ovviamente è lecito avere idee divergenti ma il punto è che, a parte rari casi, non riescono mai a entrare nel merito delle questioni né approfondire alcunché. E se ci entri tu in modi chirurgici, ti dicono “ah, perché tu lo sai invece? E perché dovrei credere a te? E chi cazzo saresti?”, “Cioè secondo te si mettono tutti d’accordo? E a che pro?”, e nel mentre ti scrutano con quel mix di compassione e disprezzo. A questo si riducono le discussioni. È ancora utile sbattere la testa contro i muri cercando dialogo e confronto con esseri umani schermati in tal maniera?

1 Comment

  1. Faccio notare che nella scheda qui a destra “commenti recenti” compaiono ‘sti link a siti stranieri che citano tutti l’intervento di Meluzzi “Da una certa sfera sociale in su i vaccini sono falsi”.
    Evidentemente non sono commenti, qualcosa non funziona nella pagina.

Lascia un commento

Gli ultimi su Blog dei Leoni

Dove casca l’asino?

Un comico esplosivo proclama con voce grassa le verità che nessuno dice. Fonda un movimento che…

É ricominciata la scuola.

Come abbiamo detto fin da principio, bisognava immediatamente togliere i propri figli dalle scuole, senza indugi,…