La “zona gialla” è scomparsa

849 visualizzazioni

La “zona gialla” è scomparsa. Per non parlare della zona bianca, il cui esperimento è durato solo pochi giorni, in terra sarda. La rieducazione continua, quindi, imperterrita, senza soluzione di continuità. Il carattere “punitivo” delle decisioni prese è oramai acclarato. Poco prima della stagione estiva questo desolante quadro è indicativo.
Ci dà già un’idea di cosa ci aspetterà nei mesi avvenire. Il problema, in verità, è che un eventuale ritorno a zone dalle tinte più tenui, dalle sfumature più dolci, rappresenterà per la maggioranza un traguardo. Si sentiranno liberi con il coprifuoco allungato di un’ora o con l’aperitivo in maschera.

Saranno pervasi di felicità nei ristoranti, la sera, magari con il volto coperto a 40 gradi per andare in toilette. Quando l’autunno busserà alle porte, poi, saranno un po’ malinconici, ma “sicuri”, rinchiudendosi di nuovo in attesa di essere slegati per gentile concessione dell’autorità, ripiombando a piè pari nella nuova normalità. Il meccanismo a “zone colorate” è proprio questo: convincere l’individuo che sarà premiato a seconda dei suoi comportamenti. Fargli desiderare il “colore”. Portarlo a considerarsi libero in libertà vigilata.

Farlo sentire sollevato, gratificato, per un cambio cromatico della sua regione. Cambiare prospettiva è dunque essenziale. La salute non c’entra nulla con tutto ciò. Smontare e riassemblare pezzo per pezzo l’uomo attraverso la rimodulazione della sua esistenza e delle sue abitudini:questo è il cuore della questione. Siamo in un grande gioco dell’oca, dove torniamo sempre al punto di partenza. In “palio”, però, ci sono le nostre vite, i nostri progetti, il nostro futuro, quello dei nostri figli. Non dimentichiamolo mai.
Pensateci quando farete le vostre vacanze in “sicurezza”.

Lascia un commento

Gli ultimi su Blog dei Leoni

Come saranno ricordati?

Un giorno, spero non troppo lontano, quando tutto sarà finito, come saranno ricordati coloro che hanno…